Si può fare!

Una mattinata di tempo incerto, salta il programma del mare.
A me, quasi quasi, non dispiace.
Mi entusiasmo facilmente per le decisioni prese su due piedi, anche se spesso i dettagli sono lasciati al caso. Quindi niente sole, niente spiaggia, andiamo a vedere Chagall e vediamo cosa succede.





Alla fine il bilancio è stato positivo, si può fare: le papole hanno avuto la loro audioguida e sono state invitate a cercare il simbolo del "galletto" per indivudare le tele a loro destinate, abbiamo chiacchierato, commentato, interagito.
Quel si può fare è stato un sollievo.
Rendersi conto che più passa il tempo e   più facile sarà condividere qualcosa con loro che non sia solo il parco giochi.
Abbiamo continuato la nostra passeggiata, abbiamo chiacchierato, guardato, girato.



Ci siamo infilati nei cortili, io amo gli androni nascosti.
Nessun capriccio, nessun cenno di insofferenza. Ancora stento a crederci.
La risposta è semplice: esistono giornate fortunate, era da intuire dalla mancanza di traffico, dall'immediato parcheggio, dall'assenza di file.
Ma soprattutto, crescono.


Io nel frattempo le guardo, giro in tondo e sospinta dal vento







2 commenti:

  1. Certo che si può fare!
    (Almeno credo)

    ---Alex

    RispondiElimina
  2. Mi entusiasmo facilmente per le decisioni prese su due piedi...anche io! :)
    Il Chiostro del Bramante è meraviglioso e la mostra è organizzata benissimo per bambini.
    Paola

    RispondiElimina