Una giornata a Cinecittà: la Fabbrica dei Sogni


Una giornata a Cinecittà vale la pena perché il cinema è magia, atmosfera, customi sfavillanti e la maestria artigianale di chi riesce a ricostruire nei più piccoli dettagli:  storie, epoche, continenti, città. Inoltre Fellini si respira ad ogni angolo e la curiosità di scoprire i dettagli del dietro le quinte cresce man mano che la visita prosegue.

Nell'ambito di Cinecittà si Mostra   abbiamo visitato due grandi set:

Broadway: una passeggiata che, con un semplice volgere lo sguardo, permette di passare  dalla New York  di metà 800 a quella dei giorni d'oggi, passando per Parigi e la provincia italiana degli anni 40/50. Purtroppo resta ben poco del set di Gangs of NewYork perché in gran parte riutilizzato da produzioni successive.
Rimane il dubbio che, se si fosse mantenuto un po' di più  di quel set e del suo potere di attrazione, il risparmio derivante dal riutilizzo  sarabbe stato ammortizzato dalle visite catalizzate da Leonardo di Caprio e da una pellicola di così grande successo. La sensazione è quella di un gran talento anche se un po' mortificato.
La visita al set troppo frettolosa per chi come me fotograferebbe ogni minimo dettaglio. Fretta probabilmente dettata da un afflusso a cui evidentemente non sono abituati.



 


 




Ogni porta aperta e finestra socchiusa invita ad infilare l'occhio. Riflesso  impossibile da tenere a freno, pur essendo ben cosapevole che dietro c'è sempre e  solo una impalcatura,   la curiosità è forte quanto quel pizzico di delusione inevitabile che deriva dal constatare la finzione anche quando la si aspetta.


I varchi nei negozi, dietro le porte, attraverso le finestre, regalano sempre scenari inconsueti.






Il secondo set che abbiamo visitato è quello di  Roma Antica. Il Set  è stato costruito per un serial americano, è molto più ampio e ben mantenuto.

Nel giorno in cui abbiamo visitato il set era prevista anche una animazione Ave Cinecittà ovvero la simulazione della ripresa di un film ambientata nell'antica Roma. 
Una simulazione davvero ben fatto. Una esperienza unica e divertente sia per gli adulti che per i bambini.


E' prevista anche un'area Laboratori per Bambini dove è possibile lasciare i bambini a partire dai 6 anni. Per i bimbi più piccoli è necessario che rimanga un adulto.
L'area dedicata ai bambini ricrea l'atmosfera di una sartoria cinematografica.
Ci sono vestiti, parrucche, cappelli colorati da provare e con cui sentirsi un po' speciali.


 


Anche se la sensazione che lascia Cinecittà è quello di un posto che andrebbe valorizzato di più, una giornata immersi nella magia del Cinema vale sicuramente la pena , del resto una fabbrica dei sogni è sempre una cosa preziosa
A quanto pare Ave Cinecittà replicherà il prossimo fine settimana ed io lo consiglio senza alcun dubbio.





2 commenti:

  1. Oh mammina che bello....sai che non mi e' venuto mai in mente di andarci? Rimedierò!!!
    ....certo se diventassero come gli universal studio di L.A. sarebbe bello!!! :-)))

    RispondiElimina
  2. La citazione mi ha fatto ribaltare. Ti adoro...

    RispondiElimina