Il taglio di capelli della Mamma

Ho tagliato i capelli da qualche mese, un taglio netto che adesso ho accorciato ancora un po', impossibile non accorgersene, impossibile non ricevere commenti. E' disarmante una parte della retorica maschile che ruota intorno ad un taglio di capelli, dai luoghi comuni più scontati,  ad interpretazioni  più sofisticate, a quelle decisamente più maschiliste, vedi un accenno neanche troppo velato ad un possibile tradimento
Nell'insieme di svariati  commenti ed osservazioni, quel che più mi ha colpita  recitava più o meno  così:
Hai tagliato i capelli, un taglio da mamma direi?

Da mamma? In che senso?

Voi donne quando diventate mamme optate sempre più per la praticità e non per la femminilità.
Forse, ma io non sono d'accordo che sia la lunghezza dei capelli a determinare la femminilità
Ma dai, secondo me i capelli lunghi sono più femminili! Infatti ho chiesto a mia moglie di non tagliarli.
Mai mettersi tra una donna e la sua voglia di tagliare i capelli. E la  conversazione è volutamente finita lì.
A volte ci ripenso. Ripenso, a quanto, secondo me, il concetto di femminilità sia diverso per gli  uomini e per le donne.
Molto spesso per gli uomini la femminilità è dettata semplicemente da canoni estetici, banalmente: i capelli lunghi al posto di quelli corti, una gonna invece dei pantaloni, una scarpa con il tacco in sostituzione di una pianella raso terra.
Per le donne credo sia, almeno in parte, diverso. Di certo un tubino nero e delle scarpe con il tacco risulteranno più femminili di una salopette e le scarpe da ginnastica. Ma tra femminile e femminilità credo ci sia una differenza.
Una donna riconosce la sua femminilità quanto più alta è la corrispondenza tra la propria immagine e la percezione che  ha di se stessa. Quanto più l'immagine che ci rappresenta riesce ad essere una specchio di quel che si sente di essere, tanto più l'essere a proprio agio e la sicurezza di sé alimenteranno la propria femminilità.
Poi ho pensato al momento in cui si diventa madri, un momento in cui l'immagine di se stesse cambia, che si voglia oppure no. La propria immagine è inevitabilmente legata ad una trasformazione di fatto, reale, fisica e psicologica. Credo non ci sia momento più delicato dal punto di vista della corrispondenza tra immagine reale e l'idea che si ha di sé.
Soprattutto nei primi mesi, quante volte capita di guardarsi allo specchio e non riconoscersi nelle occhiaie profonde, nei vestiti comodi, nel viso stanco. 
Poi arriva il momento in cui si cerca di riappropiarsi della propria immagine, di colmare l'abisso creato dalla stanchezza. Una ricerca che a volte passa per un cambiamento, quel qualcosa che riavvicini la mamma alla donna che a volte viene messa da parte.
Se siete in quel momento lì e avete voglia di tagliare i capelli, non date retta a chi non ha fatto neanche lo sforzo di capire il recupero della vostra femminilità.



9 commenti:

  1. io ho avuto i capelli corti corti per un paio d'anni. Ed ero una gran bella femmina. Peggio per quegli uomini che non capiscono un c@@@o come al solito.
    (adesso li sto facendo crescere, un pò per quel discorso del cambiare, mica per altro)

    RispondiElimina
  2. io ho tagliato i capelli. Per anni. Adesso li sto lasciando ricrescere, li voglio lunghi come quando avevo vent'anni. Sono momenti ;)

    RispondiElimina
  3. Ho sempre avuto i capelli lunghi, dopo aver avuto il primo figlio avevo una gran voglia di tagliarli, ma non l'ho fatto, ma li ho portati x molto molto tempo sempre raccolti. E' vero sai che non ci si riconosce quando ci si guarda allo specchio, io ero un mostro stanco.
    E poi la fanno facile gli uomini, non hanno certo biasogno della piega, del trucco e delle gambe/ascelle/inguine depilato per sentirsi apposto

    RispondiElimina
  4. Io mi sento femmina solo con i capelli corti. Stop.

    RispondiElimina
  5. Ben detto, Bianca!
    La femminilità non è un concetto accessibile a certi uomini!

    RispondiElimina
  6. Io ora sono in una fase di totale femminilità...ho messo, da un anno ormai il 4 davanti alla mia età ed è stata una svolta...più consapevolezze, più menefreghismo e più libertà di pensiero. E devo riconoscere che non sono mai stata così bene, con gli altri e con me stessa e di questo la mia famiglia ha potuto solo trarre giovamento!!! Ti abbraccio

    RispondiElimina
  7. Concordo, la femminilità è una cifra personalissima, diversa da donna a donna. Non può essere certo ridotta alla lunghezza dei capelli...
    Peggio per chi non vede oltre :-)

    RispondiElimina
  8. la femminilità è ben altro e la si può trovare in una donna con i capelli corti e un paio di jeans....ma vaglielo a spiegare a quelli li!!!!

    RispondiElimina
  9. Sai che non ci avevo mai pensato? E' invece hai proprio ragione.

    RispondiElimina