L'educazione delle femmine

Io sono mamma di due bimbe e spesso le battute su quello che mi aspettarà quando comincerà l'adolescenza si sprecano, sdrammatizzare è spesso indispensabile anche per me, anche per alleggerire i pensieri futuri.
Tuttavia, tra una battuta e l'altra, in una pausa pranzo come le altre, è venuto fuori un tema assai delicato: l'educazione delle femmine.
All'inizio ho pensato ad una provocazione, poi ho capito che invece il mio interlocutore era serio.
Si affermava che educare le figlie femmine sia più difficile per due aspetti:
- perché le femmine vanno incontro a più pericoli
- ma soprattutto perché l'educazione delle bambine è più delicata e richiede più attenzioni.

Cito testualmente:
in fondo con dei figli maschi a cosa puoi andare incontro? al massimo fanno un incidente stradale, al più si drogano [che sarà mai], ma per le femmine è diverso. Oltre al rischio di essere violentate ed aggredite le femmine rischiano di diventare poco serie. Di essere giudicate per essere troppo leggere.
In sintesi il concetto era: se sbagli ad educare un maschio rischi che si ubriachi e faccia a un incidente stradale , se sbagli ad educare una figlia femmina rischi che diventi "leggera" e allora si che sono guai anche perché poi la gente giudica.
Tra il perplesso e l'incredulo ho replicato che i bambini, indipendentemente dall'essere maschi o femmine, meritano una educazione attenta e delicata, che l'educazione dovrebbe servire proprio ad insegnare loro, soprattutto ai maschi, ad uscire da quello schema arcaico per cui il giudizio grava solo sulle femmine ed è basato esclusivamente sul loro rapportarsi all'altro sesso.
Insegnare loro ad avere rispetto per se stessi è la mia priorità educativa, perché se si fa proprio il rispetto più importante si dispone poi di un facile metro per valutare le proprie scelte.
Poi esistono le coincidenze ed il giorno dopo questa discussione mi sono imbattuta in questi due post e li ho trovati meravigliosamente perfetti, li avrei stampati e lasciati sulla scrivania del mio unterlocutore.
Diffidate dei vademecum sul sesso fantastico

Caterina Caselli aveva ragione 
http://www.volevofarelarockstar.com/2013/11/diffidate-dei-vademecum-sul-sesso.html

Diffidate dei vademecum sul sesso fantastico
Ho annuito tutto il tempo della lettura, in fondo vorrei che le mie figlie facessero le loro scelte tenendo a mente il rispetto per se stesse, che scelgano in base a ciò che veramente desiderano e non in base a ciò che si deve fare per essere giudicate bene o per quel che ci si aspetta da loro.
Se proprio un giudizio deve pesare su di loro che sia quello di un'ombra grande ed avvolgente e non di ombre piccole e inutili come mi ha saggiamente detto la mia amica Lucia.
Ma davvero le bambine hanno bisogno di una educazione diversa?



8 commenti:

  1. io ho un maschio ma quando sento queste cose mi arrabbio di brutto.

    RispondiElimina
  2. io ho un maschio e un altro in arrivo, è una continua lotta contro chi continua a dirmi eh va beh dai poverina. Ma cosa ma perché? Io ho un marito educatissimo, aiuta in casa, lava, stira fa i mestieri non mi ha mai trattata male, mio figlio è il più pacato dei bambini e spesso viene anche trattato male da alcune bambine. Io continuo a pensare che l'educazione non è questione di genere ma di contesto culturale ed educazione che impostiamo noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te Elena: educazione, cultura e contesto famigliare.
      (Ho un maschio anche io)

      Elimina
  3. I bambini tutti hanno bisogno di un'educazione diversa.
    Diversa da quella del passato, senza però buttare via il giusto.
    Maschi e femmine dovrebbero essere educati a non correre in macchina (ehm...anche certe mamme che hanno un blog a dire il vero :-D ), a non drogarsi perché non risolve i problemi e non fa figo, a vivere il sesso con rispetto e con cura perché è qualcosa di prezioso, speciale e che non va buttato via come se fosse una seduta di ginnastica.
    Qui sta la differenza dal passato che dobbiamo davvero portare avanti: un ragazzo "leggero" non è uno sciupapafemmine a cui battere un cinque a mano aperta ma uno che si sta buttando via in modo stupido e inutile perché fare sesso per amore è ciò che rende migliori, farlo per noia, per rabbia, per qualunque altro motivo fa male a LUI e questo, non il giudizio delle persone, è quello che fa male.
    Boh...non so se si sia capito quel che volevo dire...

    RispondiElimina
  4. vorrei che le mie figlie facessero le loro scelte tenendo a mente il rispetto per se stesse, che scelgano in base a ciò che veramente desiderano e non in base a ciò che si deve fare per essere giudicate bene o per quel che ci si aspetta da loro...
    Ho due figli maschi e vorrei le stesse cose anch'io.

    RispondiElimina
  5. ogni bambino ha bisogno di un'educazione che ne rispetti l'indole. Ma non per motivi socio-culturali. Spero che non esistano più genitori che colpevolizzano una ragazza perché rimane incinta e considerano il ragazzo una semplice vittima. Che oltretutto un incidente stradale (mortale o invalidante) è ben più grave di una gravidanza indesiderata.

    RispondiElimina
  6. Ti capisco perfettamente! Da mamma di figli maschi penso che l'educazione dei bambini tutti sia delicata, difficile e che per quanto possiamo impregnarci qualche sbaglio lo faremo comunque, ma di certo potremo dire di essere libere da pregiudizi di genere. E non è poco!

    RispondiElimina
  7. Con tre figli maschi capisco ciò che ti sei sentita dire, a me danno della fortunata. Eh sì perchè i maschi mica sono da educare, no no... Li ammazzerei sti idioti

    RispondiElimina