La semplicità delle affinità [52weeksproject]

Sono giorni strani,
tante cose da fare ma nessuna voglia di farle, ogni tanto riempio uno scatolone con poca convinzione come se il trasloco non riguardasse me, eppure si avvicina, sempre più.
La sera mi capita sempre più spesso di addormentarmi molto tardi come se non volessi lasciar andare il giorno appena passato. Due anni sono volati e adesso vorrei dilatare ogni minuto, ora, secondo.
Evito di pensare a cosa mi aspetterà al rientro in Italia soprattutto cerco di rispedire al mittente la sensazione che sia un passo indietro. In fondo è un nuovo inizio e come tale va affrontato.
Combatto la malinconia preventiva con la voglia di fare, vedere, incontrare.
Questa settimana appena passata mi ha strappato diversi sorrisi:
un desiderio espresso in un aereoplanino di carta trovato davanti il portone di casa, il viola della lavanda lungo la strada che mi riporta a casa, un lungo pomeriggio in piscina ma soprattutto un'uscita serale con una amica.
Montpellier, di notte, d'estate è la cornice perfetta per tapas, birre ma soprattutto tante chiacchiere e sorrisi.
La leggerezza nonostante tutto.
La chiacchierata con B., sedute sulla scalinata della Chiesa di Saint Roch è uno di quei momenti che ho messo nello zaino dei bei ricordi da portarmi a casa.
L'aria fresca, le donne sedute ai tavolini con mantelli colorati , il via vai inquieto della ragazza con gli short neri, il ragazzo ubriaco che mi ha chiesto se avessi paura, la luce che in quella piazza è incredibilmente gialla, ma soprattutto la libertà di pensieri, confidenze e sorrisi. 
La semplicità delle affinità mi sorprende sempre.
Una bella serata animata come l'accostamento di colori delle  nostre scarpe che abbiamo continuato ad osservare compiaciute.


Me li raccontate i vostri momenti di buonuomore?





9 commenti:

  1. Il mio bimbo che mangia metà biscotto e poi dà l'altra metà al nostro cagnone, 30kg di zanne che glielo sfilano con dolcezza dalle mani senza quasi toccare quella manina paffuta e mia suocera che fa un salto sulla sedia e reprime a stento un urlo...
    Buonumore... :)

    RispondiElimina
  2. Beccare due volte in un quarto d'ora Lou Reed alla radio.
    Passare di fronte ad una drogheria e scoprire che hanno appena messo in vendita il kit del piccolo musicista, tamburello compreso, e mandare Siegmund in brodo di giuggiole, sapendo che ciò comporta anche un certo rischio per i timpani miei e di suo padre.
    Rimettersi quel vestitino che mi stava tanto bene, come se il tempo fosse davvero circolare.

    RispondiElimina
  3. Mio figlio che ride spensierato ritrovando gli amici in Italia, la lavanda in fiore nel mio giardino, la libertà di stare all'aria aperta senza paura di farci pungere dalle zanzare portatrici di Dengue, il sole caldo e l'aria finalmente fresca dopo 6 mesi nel caldo torrido thailandese. Questa settimana ne ho veramente tanti di motivi di buonumore!

    RispondiElimina
  4. belle parole, belle foto.
    ti auguro molti momenti pieni, così

    RispondiElimina
  5. Fra poco passano a prendermi per andare a comprare del legno. E' da stamattina che ne sento il profumo, anche se in mano per ora ho solo il progetto della capAnna cui ci dedicheremo questo weekend. Ci credi? Friggo come burro dentro sogni di padelle...
    Paola

    RispondiElimina
  6. L'estate che arriva pigra, loro che giocano e ridono come pazzi, lei che mi dice "mamma mi porto a dormire?"

    E poi hai ragione, non e' un passo indietro, e' solo un nuovo inizio! La Bianca che sta per tornare in Italia secondo me e' molto, moolto diversa da quella che parti' due anni fa. La Bianca che torna ha prospettive ed orizzonti infiniti!

    RispondiElimina
  7. i miei momenti potrebbero essere i tuoi. Sicuramente una serata di chiacchiere con una bitta in mano nella luce d'estate si avvicina molto. Una corsa nei prati di campagna a raccogliere noci con i bimbi per fare il nocino, io a gambe incrociate a leggere davanti all'infinito...

    RispondiElimina
  8. I fiori che finalmente sbocciano sul balcone, un momento da condividere solo con lui, ridere senza motivo per qualche stupidaggine, rivedere i miei genitori (ma sono un paio di secondi, poi cominciamo a litigare come al solito), accendere la radio in macchina e beccare proprio la canzone che volevo sentire, sedersi su una panchina in riva al mare...

    E niente, abbiamo gli umori sincronizzati, pare. Dai, pensa che quando torni in Italia puoi sempre passare da queste parti a trovarmi se hai nostalgia della Francia, male che va magari ci si incrocia a Roma. ;-)

    RispondiElimina
  9. Che bel blog arioso, che belle foto, che bei contenuti.
    Mi piace!

    Vi seguiremo volentierissimo!
    Passa a trovarci se vuoi :)

    www.ilblogdisposamioggi.com

    RispondiElimina