Il mio scaffale d'oro

Qualche tempo fa Giulia mi ha parlato dello Scaffale d'Oro, uno scaffale simbolico dei libri più amati, mi sono subito entusiasmata. Anche se ultimamente leggo davvero troppi pochi libri la sensazione benefica che mi dà la lettura è rimasta immutata negli anni.
Da bambina sono stata soprattutto uditrice di libri nel senso che il nonno leggeva le favole e io le ascoltavo ma ricordo ancora bene quei grandi libri colorati che mi regalavano una manciata di fantasia prima di dormire. Successivamente ho attraversato diversi fasi.
A scuola amavo l'Epica. Si, lo so è bizzarro ma mi sono sempre appassionata ai versi dell'Odissea e dell'Iliade. Quando i libri da leggere ho cominciato a sceglierli io ho attraversato la fase filosofica-intimista- introspettiva che poi, a causa di overdose di pippe mentali, ha lasciato spazio ad altro. Passando per le Biografie di icone di sinistra sono arrivata fino alla letteratura inglese che ho amato alla follia. Purtroppo ho avuto un insegnate di Inglese al Liceo davvero meschino e venale che mi ha reso la vita scolastica un inferno perché non ho contribuito al suo portafoglio prenotando una vacanza studio in Inghilterra. Purtroppo un insegnante miope ed inadatto mi ha allontanato dalla letteratura tanto amata.
Oggi nei libri cerco le storie. Tutto qui. E tra le storie che più ho amato ho scelto quelle da mettere nello scaffale d'oro.
Eccolo dunque il mio scaffale d'oro a casa di Giulia

6 commenti:

  1. Bella iniziativa, lo scaffale d'oro.
    Anche io adoravo l'epica, se serve a farti sentire meno sola ;)

    RispondiElimina
  2. Bello! E condividiamo molte letture :)

    RispondiElimina
  3. Ma che bello.. Corro a guardare il tuo scaffale.

    RispondiElimina
  4. bellissimo! Alcuni dei tuoi autori preferiti sono anche i miei :-)

    RispondiElimina
  5. Difficile... Come hai fatto ad arrivare in finale? Troppi troppi, per poter scegliere... Comunque ci penseró!
    Paola

    RispondiElimina