Il mio primo MammacheBlog #Mammamà

Dopo due anni finalmente arrivo anche io al Mammacheblog.
Due giorni pieni, intensi.
Posso vantare di essere stata la prima ad arrivare in un Venerdi piovoso degno di Novembre con, ai piedi, due piccole barche allagate, mi sono registrata e sono corsa in bagno. Il mio primo incontro è stato proprio lì, davanti alle porte della toilette, con in mano ballerine annacquate e fazzoletti per asciugarle. Ho incontrato Simona e mentre ci si asciuga i piedi la chiacchiera e la sintonia sono istantanee.
Ho amato Barbara, Mammafelice che mi ha letteralmente travolto con la sua energia e vitalità. Del resto parliamo di una donna che porta al braccio un adesivo su cui è scritto: mi piace se mi abbracci. Ed io amo lei, ufficialmente.
Sentire parlare di passione, entusiasmo, coraggio,tenacia ma soprattutto di lavoro sodo è stato corroborante. Una bella lezione sull'autostima e l'impegno.  Solo se ci credi tu puoi convincere anche gli altri è una lezione che vorrei tatuarmi addosso.
[NDR A dire tutta la verità ha anche detto che i blog  personali tendono ad essere fine a se stessi a meno che non si abbia una vita fichissima (cit),  l'ho letto come un piccolo requiem per il mio piccolo blog ma tant'è io vado avanti]
Si è parlato anche tanto della comunicazione sui Social Network e del come diventare un social- coso. E' stata una grande finestra  spalancata su un mondo che amo, a cui ho dedicato tesi di laurea e master ma che ho lasciato scivolare tra le dita negli anni. Ora la voglia  di rimettermi ad approfondire è tanta e sono grata al Mammacheblog per questa spinta in avanti di cui avevo bisogno.
Ma oltre al momento formativo c'è stato quello degli abbracci, degli incontri, degli sguardi che dicono tutto e di tante risate. Una bella conferma per quell'istinto alla sintonia che in questi anni mi ha spinto ad interagire, parlare, cazzeggiare, discutere con le persone giuste.
Non ho scattato neanche una foto perché avevo bisogno di fotografare con gli occhi, di registrare sensazioni ed emozioni. E per due giorni mi sono sentita davvero Felice.
Volevo citare tutti quelli che ho incontrato ma ho davvero paura di dimenticare qualcuno, allora seguo il consiglio di Barbara e linko generosamente tutti i racconti letti fino ad ora.
Laura e la sua inconfondibile ciocca rosa  che si accompagna ad un sorriso grande così!
Elena bella, acuta e che prepara risotti perfetti
Giovanna, grintosa e generosa (grazie a lei posso vantare dei bellissimi segnalibri)
Strababbo che non sono riuscita ad incrociare ma trovo bello il suo punto di vista
Francesca, dal nick inpronunciabile, un po' creativa un po' scienziata io l'adoro tutta  perché è speciale (grazie a lei vanto una bellissima spilla i'm shy girl)
Cecilia, lei ha fatto le foto che avrei voluto fare io , abbiamo uno sguardo affine, ci siamo abbracciate ma la prossima volta dobbiamo chiacchierare di più
Camilla, dolce e deliziosa, lei ha fatto l'elenco di Blog che avrei fatto anche io
Marzia, avrei voluto tanto riuscire ad individuarla, per questa volta mi accontento del suo racconto
Arianna inconfondibile nello stile e nell'ironia
Chiara, mi ha regalato i miei tre secondi di notorietà ed imbarazzo quando ha esclamato: ma io ti leggo
Elena che rientra tra le persone con cui avrei voluto parlare di più
Silvia elegante, delicata e con degli orecchini che spaccano! 
Valentina, abbiamo incrociato gli sguardi ci siamo riconosciute, abbracciate ma anche in questo caso tocca replicare per raddoppiare il tempo insieme 
Lucia, io lei l'adoro proprio. Mi mancava solo incontrarla,  adesso posso associare anche una voce ed uno sguardo all'amica che conosco  già da un po' 
Giorgia ad esempio me la sono persa, peccato. Questa volta recupero leggendo.
Sara son ocontenta di essere riuscita a salutare lei e la piccola Ida, simpatica reporter
Valeria, vestita di Rosso, ho pensato subito che il colore le si addicesse perché lei è avvolgente e sorridente
Cecilia, lei è l'amica  che mi capisce al volo anche quando sono assente, mi guarda negli occhi e mi dà forza

Questi sono i racconti che ho letto fino ad ora (lo terrò in aggiornamento), per quel che riguarda baci & abbracci sappiate che sono per me preziosi e li ho messi lì  da dove ogni tanto attingo quando ho bisogno di un sorriso.



28 commenti:

  1. Ma Dai! Vuoi dire che non mia hai visto? Non ci credo... non tanto perchè io sia particolarmente fascinoso quanto per il fatto di essere uno dei pochi ad avere la barba... Se non riesco a farmi notare nemmeno ad una convenscion di sole donne sto a posto, sto! ;)

    azz, peccato non esserci presentati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si ma tu hai fatto toccata&fuga quando mi hanno detto chi fossi tu eri già andato via

      Elimina
    2. Si, ed ho anche dei tempi di adattamento lunghi. Peccato, però!

      Elimina
  2. Grazie mille Bianca! Che combinazione, anche io ti ho trovata dolce e deliziosa, ma davvero. Dal tuo blog non immaginavo fossi così timida, ma mi sei piaciuta ancora di più per questo. A presto e buon rientro in Italia (se deciderai davvero di fare questo passo).
    Ciao!!

    RispondiElimina
  3. è ufficiale: io ti/vi invidio!!!! il prossimo anno ci sarò anch'io....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora ci si incontra il prossimo anno

      Elimina
  4. Sono così felice di averti incontrata, Bianca. Hai un garbo e una dolcezza che ho incontrato raramente nella vita. Ti abbraccio forte e spero di vederti presto, Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valeria sono anche io davvero felice di averti incontrata adesso ogni volta che ti leggo penso al tuo bel sorriso

      Elimina
  5. Risposte
    1. Io non posso aspettare un anno prima di rivederti dobbiamo trovare il modo

      Elimina
  6. ahahah la storia dei risotti!
    Un bacio enormeeee a teee

    RispondiElimina
  7. Sono belli questi racconti!
    Io sonos ufficialmente curiosissima sui tuoi studi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A te l'ho raccontato di persona, amica preziosa

      Elimina
  8. Se dici a mio fratello che sono generosa ti prende per matta!!
    Grazie mille Bianca, conoscerti è stato bellissimo, non vedevo l'ora di dare un volto a questo blog.
    Baci!

    RispondiElimina
  9. avrei voluto parlarti di più, mannaggia. Ma anche io sono un po' timidina, ed eri sempre accerchiata da amiche (o fan?).
    Ti abbraccio, è stato bello dare un corpo ad una frangia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fan? Ahahahahahahaha prossima volta recuperiamo

      Elimina
  10. Grazie per questo tuo racconto, mi è spiaciuto non esserci e non aver finalmente visto i volti di cui leggo le parole ma ora mi sto rifacendo coi post!!;)

    RispondiElimina
  11. In effetti io sono stata rapita dai racconti della sala e così ho perso un po' di persone, poi sono pure un po' cecata e mi ritrovavo a fissare i cartellini troppo da vicino tipo stalker :D
    Comunque noi abbiamo vite fichissime, quindi direi che possiamo continuare con i nostri piccoli blog finchè ci divertiamo :))

    RispondiElimina
  12. Grazie per la condivisione. .. Leggendo i vari post possiamo immaginare di esserci stati anche noi... Chissà magari sarà per l'anno prossimo! :-))

    RispondiElimina
  13. Grazie a te, l'anno prossimo partecipa ne vale la pena

    RispondiElimina
  14. Ciao Bianca.... amica di piedozzi bagnati.... che bello aver scoperto te e il tuo blog!!!! Non ti mollo!
    Paola

    RispondiElimina
  15. assolutamente, molto di più! bisoux!

    RispondiElimina