Un tutorial all'uncinetto per la sindrome del rimuginatore

Io ci tengo a rientrare nella categoria delle mamme blogger quindi dopo aver liberato una ricetta ecco il mio primo tutorial:
Come fare un cappello all'uncinetto in un giorno e due tweet.
Ci avete creduto? Sto a scherzà
Più che un tutorial questo vuole essere il racconto di una serie di incontri, della voglia di sperimentare qualcosa di nuovo e di creare qualcosa mettendo alla prova l'oca palmata con cui convivo.
Sono affascinata dalla creatività e dalla manualità anche se non le considero alla mia portata, ho scoperto il mondo del crochet soprattutto grazie ad Elena e le sue creazioni deliziose (della serie Cruciani lèvate) e grazie a Justine delle Funky Mamas che, con la sua incredibile energia e le sue proposte DIY,  è riuscita a sdoganare l'immagine dell'uncinetto indissolubilmente legata a Nonna Papera ed alle suore che mi costringevano a chilomentri di catenelle.
Justine ed Elena mi hanno spesso invitata a provare, io sono stata a lungo tentata ma mai veramente convinta.
Avevo anche letto un articolo di una blogger americana il cui counselor filosofico le aveva consigliato uncinetto e gomitoli per combattare la sindrome del rimuginatore e per incrementare l'autostima. Ricordo di aver pensato: quasi, quasi, ci provo, vedi mai che funzioni davvero!
Quando B. mi ha regalato uncinetto e gomitolo non ho più potuto esimermi e ci ho provato pensando di provare a mettere un po' a riposo i miei pensieri.
Inizialmente volevo fare questo cappello, poi è arrivata Justine che con due tweet mi ha dato la dritta giusta e alla fine ci sono riuscita, il risultato è ancora molto imperfetto ma la soddisfazione è stata tanta.
Ma questo voleva essere un tutorial quindi andando per ordine

UNO: scegliere gomitoli ed uncinetto in quantità e fattezza adeguate al cappello (non fate come me che pensavo di fare un cappello con un sol gomitolo)


DUE: imparare ed esercitarsi sui punti base (su youtube c'è un mondo infinito, a volte al limite dell'inverosimile ma superato lo stupore iniziale, sono riuscita a capire cosa fare)


TRE: Seguire RockingchairFM su Twitter, in due tweet mi ha dato le dritte giuste per passare dalla catenella al cappello finito pur avendo preso l'uncinetto in mano,  per la prima volta, due giorni prima



Ora devo darne atto al counselor filosofico, aveva ragione: il crochet è un buon metodo per guadagnare qualche punto di autostima, creare con le proprie mani è effettivamente gratificante ma soprattutto aiuta  a non pensare, richiede la concentrazione giusta per mettere in un angolo il rimuginatore. Volendo fargli un solo appunto devo dire che l'oggetto dei miei pensieri è stato messo da parte durante il giorno ma si è subdolamente insinuato nei miei sogni. Ma del resto non si può chiedere un miracolo ad un semplice uncinetto. Chissà cosa mi avrebbe consigliato il counselor filosofico. Forse una tisana al bromuro.
Comunque sia io e l'oca palmata alla fine ci siamo espresse in un sol giorno in cotanto Cappello.



Ps. Se avete problemi di insonnia provate uno delle tante video-lezioni all'uncinetto, sono spesso utili, ben fatti ma anche incredibilmente soporifere.

9 commenti:

  1. Mi sono ripromessa milioni di volte di riprendere l'uncinetto. Quando c'era mia mamma ho creato tante cosette deliziose: cappelli, sciarpe, borse, sacchettini. Lei era bravissima! Poi dopo di lei il nulla, mi è preso tipo un blocco, credo. Però ricordo quella soddisfazione, quella calma. E poi vuoi mettere ora creare per Minu? Continuo a rimuginarci ancora un po' ;)
    Il cappellino è delizioso! Bravissima! Anche il porta uncinetto mi piace tanto, dove lo hai preso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che Minù riuscirà a darti lo slancio giusto per ricominciare, pensa che bello un piccolo filo tra la tua mamma e minù che cresce.
      Io ti penso molto lo sai vero?
      Il porta uncinetto lo avevo comprato in un mercatino di Natale da una ragazza che li faceva a mano. Purtroppo ho perso il suo bigliettino altrimenti te ne mandavo uno.

      Elimina
  2. Ed io che non mi sono mai riuscita a schiodare dalla catenella.....
    Bravissima sei stata, da non credere che non avessi mai preso in mano l'uncinetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche io lo credevo possibile ed invece

      Elimina
  3. In questo periodo mi sto lanciando sulla lana, ma è da tanto tempo che vorrei provare l'uncinetto... mi sa che a breve mi lancerò!

    RispondiElimina
  4. Siete un'associazione a delinquere, tu e Justine. :)
    Ok, sto provando a farlo anche io. Irresistibile!!
    Crochet forever

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai Barbara che poi voglio vedere la foto ;)

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina