Un giorno a Camogli

Nel lungo viaggio per rientrare il Francia si è resa necessaria una tappa a metà strada, inizialmente avevamo pensato a Genova poi abbiamo deciso di fermarci a Camogli. Scelta rivelatasi più che azzeccata  perché Camogli vale sicuramente una visita.
Siamo arrivati giusto in tempo per l'ora del tramonto cha ha donato una luce unica al piccolo borgo che già di per sè sfoggia  colori caldi ed accoglienti


Il piccolo porto sembra disegnato da una matita esperta,  ogni piccola barca o rete per pescare sembra abbia il suo posto scelto con cura tenendo conto del paesaggio e dell' accostamento cromatico


Abbiamo cenato a base di pesce e ci siamo quasi ubriacati con i camogliesi al Rum.
La mattina dopo, prima di ripartire, ci siamo concessi una passeggiata in spiaggia per permettere alle papole di raccogliere i sassolini colorati e a noi di godere del del mare di inverno, sicuramente malinconico ma decisamente affascinante.

Prima di ripartire non poteva mancare la sosta in focacceria per la famosa focaccia al Formaggio di Recco e  la superba focaccia Bianca. Peccato non essere riusciti ad assaggiare la farinata.


L'ultimo saluto al mare prima di ripartire



Camogli mi ha conquistata, se è così bella di inverno lo sarà sicuramente ancor di  più d'estate e spero di tornarci.
Una menzione la merita anche il piccolo albergo che ci ha ospitato, la Camogliese, pulito e confortevole la cui accoglienza ed incredibile cortesia hanno superato ogni rosea aspettativa.
Insomma se passate da quelle part val la pena fermarsi anche solo per un giorno come abbiamo fatto noi.


5 commenti:

  1. Adoro il mare d'inverno.. con quel che di malinconico ma superbo ammaliante..

    RispondiElimina
  2. io lavoro ed abito lì vicino...ti dico una cosa..d'estate a Camogli ti conviene andarci in treno...io la adoro...un abbraccione
    p.s. che belle foto..

    RispondiElimina
  3. anch'io ho un bellissimo ricordo di Camogli, grazie per averlo risvegliato...

    RispondiElimina
  4. Questo questo post mi suona familiare... Ecco perché...
    http://valewanda.wordpress.com/2012/04/09/nascosta-tra-le-vie/

    RispondiElimina