I capricci in pubblico e l'ingerenza degli estranei, esiste un limite?

Capita spesso che si venga giudicati in quanto genitori ma capita ancor più spesso che si incontri qualcuno pronto a dirti come fare la madre in modo migliore.
L'ennesimo episodio, qualche giorno fa, per me particolarmente urticante perché proveniente da una estranea.
Io e P.Piccola eravamo in Tram tranquillamente sedute ed impegnate in una sessione di Io Vedo. Pochi minuti prima di arrivare alla nostra fermata ho messo la papola nel passeggino in modo da essere pronte per scendere, tuttavia la piccola non ha gradito ed  ha protestato vigorosamente, di certo in modo fastidioso, soprattutto per chi non abituato ai bambini, ma di sicuro non si trattava del capriccio peggiore a cui io abbia assistito. Ecco dunque che arriva Estranea Uno che, avvicinando il viso a P.Piccola, con tono severo ed intimidatorio, le dice (in francese):
 Ti ci vorrebbero due Schiaffi
 P.Piccola è rimasta interdetta dal tono ed ha per un attimo sospeso la sua protesta, al che interviene Estranea Due che sottolinea:
Le due parole Magiche.
Estranea Uno rincara la dose:
Del resto serve che qualcuno lo faccia.
Il tutto è avvenuto in una manciata di secondi ed io sul momento ho percepito il tono sgradevole ma non ero sicura del senso letterale della frase.
Scesa dal tram ho cercato la traduzione ed ho avuto conferma dei miei sospetti.
Ho provato frustrazione e rabbia per non essere ancora abbastanza padrona della lingua per risponderle per le righe ma soprattutto infastidita per il gesto invadente e prevaricatore.
I famosi pareri non richiesti da quale esigenza recondita traggono vita?
Non credo siano sempre e comunque tutti in malafede magari a volte scaturiscono davvero dalla voglia di condivere esperienze comuni ma molto più spesso sono espressione di un giudizio negativo verso l'operato del genitore di turno e di una arroganza che scaturisce dalla convinzione di essere migliori.
Passino pure gli sguardi indignati e di compatimento per un capriccio mal sedato, passino gli sguardi di compassione e quelli a me non succederà mai,  ma trovo inaccettabile che qualcuno, ancor di più se estraneo, si prenda la libertà di intimidire una bambina di due anni.
Io in quanto genitore devo essere sempre e comunque sottoposto al giudizio degli altri? Come porre un limite?
Padronanza della lingua a parte, come avreste reagito?
Indifferenza, insulto libero, risposta acida ma composta?
Io ancora mi chiedo se fosse successo in Italiano come avrei reagito?

31 commenti:

  1. non lo so, bisogna trovarsi. Io sono il tipo di persona, cui la reazione di solito arriva dopo. é un pò che mi sono ripromessa di essere più rapida, anche perchè una situazione del genere è INCONCEPIBILE. Va bene la libertà di parola, ma allora va bene anche la libertà del Vaffa Back!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io sono lenta, ci arrivo sempre dopo, in francese poi il tutto si complica ulteriormente, che rabbia

      Elimina
  2. Simpatia alla francese! la prossima volta che incontri Madame Sympa in versione doppia saprai come salutarle ne son certa ;)

    RispondiElimina
  3. Allora. Mi è venuto un nervoso pazzesco al solo leggere queste righe. E una frustrazione incredibile, perché capisco perfettamente l'esitazione, quando non si è sicurissimi di aver capito. Mi dispiace tanto, evidentemente hai incontrato due persone davvero maleducate. E poi come si permette una di dire a TUA FIGLIA che le ci vorrebbero due schiaffi? Ma sai che io chiedo alle persone intorno a noi di non parlare nemmeno di schiaffi o sculaccioni davanti a Guia, perché noi non li usiamo e non voglio che lei ne senta parlare?
    Mamma mia che rabbia pazzesca!
    A me una volta è successo il contrario: una tizia mi ha rimproverata perché stavo facendo piangere Guia (il fatto era che stavo arrivando a casa, e il ciuccio era caduto in una pozzanghera, e stavo per risolvere il problema lavandolo in casa). Ecco, io ero già un po' nervosa...diciamo che la tizia probabilmente si ricorda ancora il tono che ho usato per risponderle...:)
    Ti auguro di incontrare di nuovo le due "signore" e di dire quello che pensi!!! Ciao Bianca, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se mai la dovessi reincontrare le riserverò un trattamento che si ricorderà

      Elimina
  4. "Vous n'avez pas de enfants, n'est-ce-pas M'dame?"
    Ecco cos'avrei risposto io alle due vecchiacce stitiche. Chi ha figli non si azzarda a dire frasi simili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla prima non ho dubbi che non abbia figli troppo accanimento anche per un genitore molto severo

      Elimina
  5. a parte la pia illusione di brunhilde che chi abbia figli sia giocoforza comprensivo e amoroso con figli altrui ed altre mamme...

    Lo scorso maggio ho fatto un viaggio lunghissimo e stressante, in treno, nel senso che siamo partiti la mattina molto presto, primo treno, 15 minuti dopo scesi, attesa per l'altro treno, due ore dopo scesi, poi pausa, altro treno lunghissimo... e la piccoletta non era riuscita a riposare; va da sè che era isterica, sul finire dell'ultimo viaggio in treno.

    Una simpaticissima signora italiana si alza e le urla "ma cos'hai, perchè fai così? Sei proprio una bambina cattiva"

    ecco, lì per lì mi sono sentita una caccola, in colpa per aver disturbato la signora... ma un minuto dopo avrei voluto rincorrerla (era scesa) per dirle "la bambina è in viaggio da stamattina alle 7, ha due anni ed è stanca, la sua giustificazione per essere così str@nza qual è?"

    ma se minacciassero fisicamente mia figlia, come è avvenuto con la tua, darei davvero di matto, non si devono assolutamente permettere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la sua gustificazione per essere così stronza qual'è? me lo traduco in francese e me lo tengo pronto per la prossima volta

      Elimina
  6. ah, naturalmente anche io ho l'esperienza contraria, Mustela che fa un capriccio da manuale (e li fa, che caso, specialmente quando è in presenza dei nonni paterni o sta da un po' con loro... che caso, eh) e io che la ignoro, e ingerenza tipo "povera bambiiiina che ha fatto perchè ti fanno piangere", al che di solito rispondo con un tono che sottotitola tutto ciò che dico con un "fatti i fatti tuoi, vecchia megera stupida che si fa intortare dai figli altrui"

    RispondiElimina
  7. sono senza parole. Mi stupisco della gente in continuazione. Fregatene. Fai finta di non aver davvero capito. In certi casi è meglio. Tanto queste sono cose inutili, sono suggerimenti non graditi ma soprattutto assolutamente non costruttivi.

    RispondiElimina
  8. Io li avrei dati a loro due schiaffi! A parte questo, penso che si i genitori sono sempre posti a giudizio anche e soprattutto quando non richiesto, l'importante è che noi non ci facciamo condizionare da questi giudizi nel comportamento con i nostri figli.

    RispondiElimina
  9. la mia rabbia più grande deriva non tanto dal fatto di essere giudicata una mamma non all'altezza da una cretina qualunque ma soprattutto dal fatto che si è rivlta direttamente ad una bimba di due anni

    RispondiElimina
  10. Sono senza parole! che rabbia!! L'idea che si sia rivolta a tua figlia mi fa rabbrividire! Pensa se fosse stata più grande e avesse capito, che razza di violenza verbale sarebbe stata!
    A me capita di solito la situazione opposta: ho acquisito con la maternità una pazienza da Jedi, ma stai sicura che appena mi scappa c'è qualcuno pronto a commentare "ma poverino". Ovviamente, come tutte, ho deciso da tempo che fregarsene sia la cosa migliore, ma una situazione come la tua mi avrebbe lasciato interdetta per poi far scatenare la furia cieca: ti capisco!!
    Forse in Italia avresti reagito, passato il momento di incredulità: sono ancora vive grazie alle incertezze della traduzione!
    Un bacione alla PapolaPiccola!

    RispondiElimina
  11. Beh, leggendo il tuo post il mio sangue è entrato in ebollizione e ho immaginato a quanto tutta l'acidità e la stronzaggine di cui io sono capace (e ne sono parecchio) avrei utilizzato per mettere a tacere quelle due idiote. Perchè non ci si deve permettere MAI di intervenire in maniera diretta sui figli altrui. MAI. I commenti e i giudizi fatti ad un genitore, soprattutto da parte di estranei sono un'altra cosa, fastidiosi, irriverenti e urticanti ma un'altra cosa. Io mi sono trovata anche dall'altra parte e di fronte ad un bambino che dall'interno del carrello continuava a darmi botte urlante me ne sono uscita a mezza bocca con un dagli due schiaffi e vedi che smette quando la madre si è avvicinata dicendogli un "e su dai basta" in modo poco convinto. Lei mi ha sentita e ha commentato "dalli a tuo figlio". Io ero già lontana ma ho sorriso e ho detto a me stessa che aveva ragione, stanca ho istintivamenet fatto un commento da stronza, e non si fa. questo solo per dire che può capitare, ma DEVE essere una lotta tra pari, adulti. Non con i bambini, assolutamente.

    RispondiElimina
  12. da una parte la penso come verdeacqua ma, conoscendomi, mi ritrovo spesso a rievocare ricordi di soprusi (come quello che hai subito) impersonando scene in cui mando al diavolo le suddette signore o rispondo a tono... al di là della padronanza della lingua credo proprio che rispondere a tono magari mandandole anche a quel paese avrà sì l'effetto di rincarare la dose ma avrà anche l'effetto di liberarti subito l'anima!!!!
    Impara due o tre parolacce in francese e tienile lì pronte per l'uso: anche se non capirai cosa dicono saprai riconoscere il momento di usarle!

    RispondiElimina
  13. Purtroppo io non posso dare consigli assennati, dato che sono incapace di rispondere. Sul momento, le critiche non costruttive, ingiustificate e maleducate(ovvero, esattamente le critiche che hai ricevuto tu....anzi...ancora peggio, tua figlia!)mi paralizzano! Dopo circa un quarto d'ora dall'avvenimento, cominciano a nascere nella mia testa una raffica di risposte a tono che ci starebbero anche piuttosto bene. Ma, a quel punto, posso riferirle solo al vento...sigh!
    Comunque, se c'è una cosa sacra che ho imparato diventando mamma, è proprio che non ci si dovrebbe permettere di sputare giudizi sull'operato genitoriale altrui. Credo che, nella maggioranza dei casi, i genitori agiscano per il bene del proprio figlio. Quindi, a meno che non si tratti di consigli che magari possano offrire un diverso punto di vista, sono assolutamente convinta che non si possano sparare sentenze gratuite. Soprattutto se si tratta di estranei che non conoscono la situazione.
    E "dare due schiaffi" non mi pare affatto un consiglio costruttivo.
    Vedrai che presto acquisirai la padronanza necessaria della lingua per rispondere adeguatamente a queste persone!

    RispondiElimina
  14. non sono madre, non ho nipoti veri, solo putativi, "donati" da madri amiche che non smettono con la "zia pata"... ho ricevuto un'educazione abbastanza inflessibile, sebbene dotata d'ironia!
    le critiche potrebbero anche essere costrite, però mi chiedo perché estranei sentano il bisogno di condividere i loro pareri con chi non li ha esplicitamente richiesti

    RispondiElimina
  15. sinceramente non so come avrei reagito, sicuramente le poche volte che qualchuno mi ha dato un consiglio non richiesto (ma non è vestita troppo?? oppure ma così è comoda? quando la porto in fascia) mi escono delle battute immediate e fredde...

    RispondiElimina
  16. Ti comprendo molto bene, anche a me avrebbe dato molto fastidio soprattutto il fatto che si siano rivolte direttamente alla bimba.
    Purtroppo quando rimango molto male di qualcosa faccio fatica ad avere la battuta pronta, quindi non so dire come avrei reagito.
    :-)

    RispondiElimina
  17. Se avessi capito avrei risposto secca un " anche a lei Madame" ... Così capisco ti sia rimasta solo una gran frustrazione. Anche perché questo non era un consiglio non richiesto, già di per se sgradevole, bensì un' aggressione!

    RispondiElimina
  18. Ciao,
    anche io espatriata in terra francese (per la seconda volta, ma per la prima nella città di *MontePello*)
    ho trovato il tuo blog stamane all'alba nel mio peregrinare per il web, lo seguirò volentieri! E chissà che in futuro non scorgerò una mamma con papole sul tram e dirò.. ma quella è Biancume!
    Aspetto con ansia le prossime puntate ed intanto mi tuffo negli archivi alla speranza di qualche dritta su questa città che voglio cominciare ad amare

    squa

    RispondiElimina
  19. Tasto dolente, in un periodo in cui uno dei miei figli e' in crisi nera e fa scenate ovunque, pure al supermercato in cui mi apostrofano con commenti di ogni tipo. Tirare dritto, fregarsene, perché nessuno ha in diritto di giudicare in due minuti una situazione o una famiglia o un bambino che neanche conosce. Sul momento rimango anch'io interdetta ma a pensarci a casa mi monta una rabbia....

    RispondiElimina
  20. A me una volta (tieni con tonto bambino di un anno in attesa in ospedale per una visita da due ore) un signore anziano mi disse "ecco poi quando diventano grandi ammazzano i genitori". E io con un bel sorriso in faccia "ah mi dica, lei ha qualche esperienza in merito?".
    cmq i francesi non si smentiscono mai...

    RispondiElimina
  21. Bia, tesoro, in certi casi non esitare con i francesi: una testata tipo Zidane a Materazzi e te ne vai cantando "Olè les champions..." Baci e a presto da me, I. e P.

    RispondiElimina
  22. se toccano le mie figlie, anche solo a parole, divento una iena. La signora in questione l'avrei disintegrata all'istante.

    RispondiElimina
  23. ciao mi è piacito il tuo post, l'ho letto tramite blogthinker e esprimo completa solidarietà contro le rompimaroni che vedono solo la punta dell'iceberg e per fare le beghine mettono il naso.......ne sono stata vittima anche io.....all'ultima ho detto di pensare alle sue labbra rifatte e non ai miei figli.....lo so sono stata proprio cafona ma mi sono liberata...
    ;-)

    RispondiElimina
  24. capisco la frustrazione e anche la rabbia. si sarebbero sicaramente meritate una risposta ma non credo sia stato solo un problema di lingua. ci si trova spesso senza parole davanti a frasi e atteggiamenti inaspettati e inopportuni come questo. Io tendo a non "cedere" ai capricci anche se si è in luogo pubblico ma spesso nonni, amiche o compagno mi fanno presente che ci sono altre persone e che sarebbe meglio risolvere la questione poi in privato. Forse hanno ragione loro o forse no, ma credo che si tenda un pò troppo a preoccuparsi del parere altrui. Ognuno dovrebbe guardare a casa sua, cosa molto molto difficile da fare

    RispondiElimina
  25. non rispondo ad ogni singolo commento ma grazie per avermi dato la vostra opinione, forse una risposta "la signora" se la meritava ma l'arroganza inaspettata del suo gesto mi ha totalmente spiazzata. Comunque adesso ho messo via un paio di espressioni colorite in francese qualora mai dovessero tornare utili

    RispondiElimina
  26. ciao Binacume, abbiamo iniziato a leggerti da poco e ti facciamo i complimenti per il tuo blog.
    A me è già successo un paio di volte e io non resisto, per cui mi scappa l'insulto libero... Ma in genere credo che la risposta acida e sagace sia la migliore. Capisco però che essere sagaci in una lingua che non padroneggi alla perfezione si molto difficile. per cui SFOGATI :)

    RispondiElimina