Ho letto Farfalle in un Lazzaretto

Oggi voglio parlare di un libro che da tempo aveva il suo spazio riservato sul mio comodino: Farfalle in un Lazzaretto di Camilla Ronzullo ovvero l'anima, cuore e penna del Blog  Zelda Was a Writer.
Il blog di Camilla lo leggo tutti i giorni, spesso chiacchieriamo a distanza, una volta ci siamo anche incontrate ed è per questo che sento di conoscerla almeno un po' ed è la prima volta che compro e leggo un libro di qualcuno che conosco personalmente.
All'inizio mi è stato impossibile evitare di immaginare Camilla impegnata nella scrittura, alla ricerca delle parole. Ho riconosciuto lo stile ricercato e attento, pieno di cura per ogni singolo vocabolo utilizzato. Tuttavia, quando i personaggi hanno preso forma, peso e colore, l'immagine di Camilla è passata in secondo piano per dare spazio ai matti della penna: un insieme di scrittori malandati che si riuniscono per ritrovare equilibrio ed ispirazione. Un insieme decisamente variegato, su cui, all'inizio, prevalgono i protagonisti: Marco (Il Robusta) e Agata, con la loro storia, con i loro caratteri delineati e tormentati, nelle cui paure ed ansie è abbastanza facile riconoscersi.
Agata:umorale ed indecisa, la cui paura è di andare a debito con gli avrei dovuto fare. Marco:senza pace, si manteneva cauto nella perferia dei suoi perchè
Agata e Marco sono il fulcro della storia ma, pagina dopo pagina, si scopre che ogni singolo personaggio riesce a conquistare il suo spazio, viene fuori, si amalgama con gli altri in maniera spesso sorprendente, inconsueta, a volte tenera oppure divertente. Personalmente ho eletto a mio preferito:
Cesare Crotti, Mortimer sedicenne poeta cimiteriale che parlando con Agata sostiene: cara mia quando nasci morto decresci, adesso ho circa 70 anni.
Ho trovato irresistibile l'idea di dare vera e propria vita ai fantasmi dei due protagonisti:
Elsa Morante, il Gatto Caruso e Stella Hughes per Agata.
Saverio, protagonista del suo unico libro di successo, per Marco.
L'alternarsi e l'interazione dei fantasmi personali dei due scrittori regalano siparietti divertenti e spingono ad una inevitabile empatia verso i due protagonisti in balia di bizzarre presenze.
Se dovessi definire la forza di questo romanzo la indicherei come l'incredibile potenza descrittiva, ci si ritrova completamente calati e rapiti nel minuzioso ritratto di contesti e sentimenti. Anche se i dialoghi tra i personaggi non sono tanti, la descrizione di pensieri e vicende è talmente ben riuscita che la storia si compone come in una meravigliosa coperta di patchwork dove ogni rettangolo, diverso e colorato, si inserisce alla perfezione, cucito, uno accanto all'altro.
Infine la chiosa finale, tra le più belle:
Perché è così che va: siamo sempre e solo di dove vogliamo essere e il resto è semplice geografia della scusa




Il libro è in versione ebook disponibile su Amazon  
AGGIORNAMENTO: sono disponibili alcune copie cartacee, le trovate QUI
Se lo avete letto sono curiosa di sapere la vostra opinone, se lo leggerete idem :D


8 commenti:

  1. La chiosa la voglia stampare e appendere il poster sui muri di casa!
    Come scrivi bene.

    Un bacio

    Ju

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero andrebbe tenuto sempre in bella vista per tenerlo sempre a mente, grazie:D

      Elimina
  2. Ciao, mi sono rivolta a più librerie ma non trovo il libro Farfalle in un Lazzaretto. E' possibile??? grazie.

    S

    RispondiElimina
  3. Per ora è disponibile solo in versione ebook su Amazon ma so che a breve ci saranno anche delle copie cartacee disponbili. Sul Blog di Camilla: www.zeldawasawriter.com troverai sicuramente tutte le informazioni in tempo reale, conto di darvi comunque un aggiornamento anche qui. Buona lettura

    RispondiElimina
  4. io sono ancora in piena lettura per cui mi riprometto di tornare con i commenti finale....per ora però mi ritrovo tantissimo nelle tue frasi iniziali: "All'inizio mi è stato impossibile evitare di immaginare Camilla impegnata nella scrittura, alla ricerca delle parole."....ho cominciato a leggere con una strana (bella) sensazione....non concentrata sul libro e la storia ma su Camilla e il suo sogno realizzato...ora sono completamente immersa nei personaggi e nell'attesa di sapere cosa ne sarà di loro!
    ciao

    RispondiElimina
  5. Io sono immersa nella lettura proprio in questi giorni. Già sottolineato e sottolineato. Brava Camilla :)

    RispondiElimina
  6. Attendo notizie!! grazie mille

    S

    RispondiElimina
  7. Ho "sentito" parlare di questo libro da molte.

    Se prima ero incuriosita ora ho proprio voglia di leggerlo... deve essere mio!!!
    Aspetto il cartaceo perché sono drogata dell'odore dei libri e del rumore della carta, oltre alla personale mania compulsiva di aggiungere colore alla libreria bianca :-)

    Lo inserisco subito nella WISH list post progettotesi ;-)

    RispondiElimina