Sud della Francia. Carcassonne. Al limite tra realtà e fantasia.

L'estate a Sud della Francia, dicono, vada avanti fino a fine Settembre ma evidentemente l'ultimo fine settimana ha deciso di fare una pausa, forse meritata.

L'Arietta Fresca, che ci ha impedito di andare al mare, non ci ha impedito di approfittarne per fare una gita fuori porta. 
Giusto come promemoria, la prossima volta sarebbe utile che io consultassi il meteo anche per il vento. La temperatura era perfetta, non c'era nessuna traccia di pioggia in lontananza in compenso però una tramontana che se non stai attento ti porta via.

Ero indecisa nella scelta tra Avignone e Carcassonne, alla fine la scelta è ricaduta sulla seconda.
Avevo letto che la città medievale di Carcassone è classificata come patrimonio mondiale dell'Unesco ed effettivamente ne è valsa la pena.
Ma andiamo per ordine.

Vi propongo le foto nell'ordine esatto in cui le ho scattate
Innanzitutto quelle scattate lungo la scarpinata verso la Citè.
Ormai è noto il mio spirito da portinaia, amo le persiane colorate, sono ammaliata dalla luce nella casa degli altri e alle ochette non ho resistito.

Ndr: Accanto alle oche c'è anche una figura, chi mi sa dire come si chiamava la ragazzina con in testa quella buffa cuffia che tanto impazzava negli anni 80, non riesco a ricordarlo e sto diventando pazza


Altra mia peculiarità è quella di camminare con il naso all'insù, quindi è stato impossibile non notarla
 

La strobo ha ben poco di medievale ma era lì come insegna di una galleria d'arte dove, forse, stavano inaugurando un'esposizione, le opere le ho solo intraviste in compenso veniva fuori un odore di vino da ubriacarsi anche solo respirando.
Ho continuato a scarpinare, con tanto di passeggino da spingere, chiedendomi a quando il momento in cui risulti fattibile concedersi una passeggiata senza dover sembrare la motrice affaticata di un treno a vapore.
Ero giusto ad un passo dalla smadonnamento quando siamo arrivati.
Lì in cima alla collina dove è situata la citè, ovvero la parte medievale della città protretta dalle mura di cinta, sembra di entrare in un luogo senza tempo (probabilmente solo ad uso e consumo dei turisti ma va bene così). I Francesi sono decisamente bravi nel preservare e valorizzare il loro patrimonio.

Papolagrande ed io ci siamo chieste se fosse come questa la torre da cui Rapunzel tirava giù la sua folta chioma bionda.

 Una volta superate le mura ci si perde tra stradine e piazzette dove si può decidere di prendere un caffè sotto l'edera o cercare un auberge caratteristico. Se poi si guarda in su c'è sempre qualche dettaglio che attira l'attenzione


Abbiamo visitato il Castello. La nostra è stata una visita molto veloce perchè l'orario di visita era ormai superato e siamo entrati solo grazie alla elasticità del custode ma correndo il rischio di rimanere chiusi nella torre.

Abbiamo sfidato la Tramontana per arrivare sulla terrazza dove abbiamo rischiato di volar via ma ne è valsa la pena


Siamo Usciti giusto in Tempo


Abbiamo continuato a passeggiare fino ad una piazzetta dove presenziava il simbolo medievale per eccellenza ovvero il Pozzo

In una cittadina medievale  non può mancare l'Eglise in stile gotico, pochi fronzoli ma tanti Rosoni
Davanti la chiesa c'è una piazzetta deliziosa

 

Infine se si vuole fare una gita a Carcassonne bisogna assolutamente pianificarla in modo da trascorrerci anche la serata.


Si può cenare in una delle tante piazzetta che la cittadina offre, non saprei dare giudizi sulla qualità del cibo ma di sicuro il contesto è favoloso ma soprattutto Carcassone va vista anche con il suo vestito da gran sera.


Abbiamo scoperto che durante l'estate Carcassonne diventa teatro di  due eventi imperdibili (a saperlo prima!):
  • Festival Culturale fatto di musica, danza, opera, circo. In un contesto così sarà sicuramente un'esperienza da fare
  • Embrasement de la Citè: fuochi d'artificio per il 14 luglio 
Vedremo di recuperare il prossimo anno.

Post Scriptum:  in ogno castello delle favole che si rispetti, se c'è una pricipessa rinchiusa in una torre, c'è sempre almeno un drago da sconfiggere per salvarla. Ma noi non siamo principi azzurri e alla vista del  drago


abbiamo deciso di tornare a casa


16 commenti:

  1. Sarò ripetitiva, ma posti bellissimi e foto bellissime, continua!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e ionon smetterò mai di ringraziarti :D

      Elimina
  2. Risposte
    1. scleros ne sai una più del diavolo.

      è bellissima carcassonne... ero sicura di esserci stata. perché allora non mi ricordo niente?
      forse non era carcassonne.

      Elimina
    2. Scleros: Eccola Lì.Holly Hobbie. Grazie a nome della mia sanità mentale.
      Wonder: chissà dove sei stata ;-)

      Elimina
  3. La Francia mi incanta sempre!! Sono stata la scorsa estate a Carcassone e mi e' rimasto nell'anima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DEvo dire che la Francia mi piace sempre più e il fascino di Carcassone è incredibile

      Elimina
  4. io la conoscevo solo per via del gioco di società (che hanno cercato di spiegarmi, ma a cui non ho mai giocato!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e io non sapevo che esistesse un gioco di società ero ferma al Monopoli, sono antica

      Elimina
  5. Io vorrei andare ovunque e questo post è la conferma che viaggiare è la cosa più bella che ci sia: beata te che ci sei stata!
    PS: hai deciso se fancularmi? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fancularti io? Jamais e che devo imparare a tenere la testa dritta verso l'orizzonte :-DD

      Elimina
  6. Oh Gott! Quella persiana blu Provenza mi piace na cifra!!!!!!

    RispondiElimina
  7. Dio come amo la Francia, che belle foto grazie!
    Commento qui anche un tuo vecchio post di maggio sull'italianità quando l'essere appunto italiani è sempre associato a stereotipi divertinti quali pizza pasta, ma purtroppo a Berlusconi e alle sue porcate. Che offendono l'intelligenza del nostro paese. Già. Ti riporto le parole di Moni OVADIA: l'Italia un paese di gente straordinaria affossato dalla burocrazia. Anche questo è un grosso male del paese. Perchè dove c'è burocrazia, e io lo so bene x il mio lavoro, ci sono persone che la manovrano in maniera + o meno lecita, con mancette e favori. Abbraccione

    RispondiElimina
  8. E' un anno che mi dicono tutti che dovrei andare a Carcassone perché pare sia il tipo di luogo che io amo. Dalle foto non posso che confermare.

    Grazie di avermici portato, almeno per un po'. ;-)

    RispondiElimina
  9. Carcassonne mi manca, dovrò rimediare al più presto!!

    bisous de l'Italie ...du Sud

    RispondiElimina