Digressioni da Spiaggia. Semi Vacanza. Un pò di Noia. La portinaia. L'Amour.

Finalmente godiamo dei benefici di vivere a Sud della Francia:
  • Non siamo asfissiati da Minosse, Caronte e l'intero Inferno di Dante. Qui fa caldo ma non si soffoca, la sera c'è quel freschetto tale per cui per stare in terrazza per leggere un libro, bere  birra e mangiare patatine necessita una delle cose che mi piace di più:  la felpetta d'estate.
  • Siamo lontani dalle pioggie frequenti di Parigi e dei distributori automatici di ombrelli neanche l'ombra
  • Siamo ad un passo dalla spiaggia e durante la settimana facciamo spesso delle incursioni alla Grand Traverse della Grande Motte. 
Insomma ultimamente siamo in una clima di semivacanza, mica male.
Tuttavia, lo ammetto, nella vita io non posso fare a meno dei ma, per me il modo di dire senza se e senza ma non ha senso di esistere, mi piace molto sbuffare e quindi lo dico: in spiaggia, a volte, io mi annoio. L'ho detto.
Diciamo che per me il massimo è quando: non fa troppo caldo, c'è un pò di vento, ho tra le mani un libro appassionante e il tempo per leggerlo o ancora meglio un'amica con cui parlare. In assenza di una o più di tali componenti vago spesso sul bagnasciuga insofferente come una locomotiva a vapore. Non sono la classica mamma da castello di sabbia (leggi facciamo le torri, riempiamo il secchiello, passami la formina, scaviamo con le mani  il canale per il ponte levatoio, etc). 
Non amo molto la sabbia che si appiccica addosso tanto meno mi sdraierei a terra per scavare a mani nude un fiume che arriva al mare. Il massimo che mi concedo è una passeggiata per raccogliere le conchiglie e fare qualche disegno nella sabbia con la punta delle dita. 



Oggi il venticello tanto anelato c'era, il libro pure ma non mi andava di cominciare, forse perchè ne ho letti due in poco più di una settimana e avevo bisogno di metabolizzarli. Insomma ho provato a leggere una rivista in Francese

Allora ho lasciato che la mia anima da portinaia prendesse il sopravvento e mi sono guardata attorno lasciandomi sorprendere da paesaggi inaspettati

Ma non ho mai subito il fascino del bagnino anche se in versione baywatch.
Piuttosto avrei voluto fare una foto alle tre signore accanto a noi, età media 65 anni, più o meno l'età di mia madre ma l'aria di chi ha vissuto una vita inconsueta. C'era quella dall'aria Intellettuale con capelli grigi ma curati, occhiali e lo sguardo sembre in bilico tra il libro e la vita da spiaggia. Qella Chic curata nei minimi  dettagli, dalla piega allo smalto, dallo sguardo curioso e divertito che sfoggiava un toples che avrebbe fatto inorridire mia madre. Quella più giovane e mascolina che mi ha strizzato l'occhio forse per compassione per la mia routine da papole (cambia il costumino, metti i braccioli, non mangiare la sabbia, attenta che lì la sabbia scotta). Se avessi avuto un pò più di faccia tosta mi sarei seduta accanto a loro sicura che avrebbero avuto qualche cosa di interessante da raccontarmi.
Un'altra caratteristica della Spiaggia della Grande Motte e il continuo andirivieni di carrettini di sfizi da spiaggia, se nelle spiaggie nostrane abbonda il Cocco Bello Cocco Fresco (chi ha almeno trascorso un'estate a San Nicola Arcella sa di cosa parlo) qui è tutto tres chic e vengono offerti chouchou, beignet, glace a l'italianne (?) cafè e sandwich. Non ho ancora ceduto alla tentazione ma in compenso mi offrono qualche siparietto.


All'ora di pranzo mi hanno offerto addirittura un siparietto romantico
Sono arrivati insieme, hanno lasciato i loro carrettini sotto il sole

Hanno parlato fitto fitto tutto il tempo.

Ho cercato di origliare immaginare cosa si stessero dicendo. Data la distanza molto ravvicinata, me li sono immaginati in quella fase che sta un pò dopo il semplice flirtare ma che viene prima del siamo una coppia. Per amore della Privacy non ho immortalato il fotogramma successivo, scattando solamente il ritorno al lavoro
Dopo il cortometraggio giovane e romantico ho voltato lo sguardo,  le distanze si sono allargate e mi si è prospettata davanti un'altra visione di coppia in spiaggia sicuramente più matura e meno appassionata

Può esserci amore e complicità anche in una simmetrica e silenziosa distanza? Forse. Non lo so.
Magari aumentare le possibilità anche solo di sfiorarsi potrebbero aiutare.



Questo post partecipa al Blogstorming

9 commenti:

  1. beh, se ti annoi ti invidio. A me la routine da papola mi urta i nervi "Mammaaaaaa, facciamo un cattello? mammaaaaaa, facciamo le fommine? mammaaaaaa, mi guaddi mentle corro? mammaaaaaa...." E BASTA! Prossimo anno, spiaggia senza figli!
    Tu, continua a fotografare che sei bravissima!

    RispondiElimina
  2. bello! anche io mi annoio. Tempo di permanenza con il nano massimo 2 ore!!

    RispondiElimina
  3. Andiamo per punti 1)subisco eccome il fascino di QUEL bagnino! (foto strepitosa) 2) se ho un buon libro posso anche prendermi una insolazione (in mancanza di libro anche io mi annoio) 3) non potrei mare mettermi in spaiggia così distante da mio marito, dopo un po' ho bisogno del contatto fisico 4) queste foto mi fanno venire una voglia di vacanza che non hai idea. Complimenti!

    RispondiElimina
  4. @aprovadimamma @ normajane mi rincuorate ogni volta che vedo mamma e figli applicati a mettere su castelli degni della Loira mi sento spesso una pessima compagna di giochi
    @spirulina se mai decidessi di fare le tue vacanze qui sai dove andare per non correre il rischio di affogare ;)))

    RispondiElimina
  5. bellissime foto Biancume, davvero spettacolari.A me piacerebbe tantissimo avere vicino il mare...oddio tutta sta natura e sta mania del verde in Germania mi rompe un po´ a dire il vero. Io di solito sto sempre a mollo ;P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Wanesia.
      Quando si è nati vicino al mare è difficile predere quella sana abitudine

      Elimina
  6. Ciao, seguo il tuo blog da un po' e il modo in cui racconti di te e della tua famiglia mi piace molto (oltre al fatto che sono decisamente francofila e adoro l'atmosfera francais che mi fai respirare). Questo post mi è piaciuto talmente tanto che non posso evitare di commentare: il tuo sguardo sulle storie daspiaggia intorno a te mi ha fatto sorridere e incuriosire! E aggiungo che anch'io sono pessima con i castelli di sabbia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giorgia
      grazie mille e felice di averti strappato un commento :-D

      Elimina
  7. Ciao,
    anche io mi annoio in spiaggia :) , poi quando prendi i pargoli in braccio pieni di sabbia è ancora più bello...
    bacioni
    Paola

    RispondiElimina