4 Giorni In Italia: Genova, Milano, Famiglia e TweetAmiche

Siamo stati via soltanto 4 giorni ma sono stati talmenti intensi che sembra che ne siano passati almeno 15.
Giorno Uno e Due a Genova
Città che mi piace assai, non saprei dire esattemente perchè, credo sia una città affascinante, sicuramente non perfetta ma decisamente io ne subisco il fascino. Mi ha fatto lo stesso effetto anche la prima volta in cui ci sono stata, durante una trasferta di lavoro, immersa in uno stato d'animo assai diverso. Vivevo sospesa, spesso racchiusa nei miei pensieri, in uno sorta di catalessi perchè sembrava che le papole non potessero far parte della mia vita. Genova, già allora, riuscì ad attirare la mia attenzione, come se  mi avesse alzato delicatamente il mento invitandomi a guardarmi intorno. Ricordo ancora quella sensazione di  accennata leggerezza che alleviò il macigno che mi portavo dietro.







Visitare Genova con annesse le papole non poteva non prevedere una sosta all'Acquario.
L'entusiasmo è stato grande, il successo maggiore l'hanno riscosso la vasca che riproponeva gran parte di pesci del film "Alla ricerca di Nemo"* insieme all'opportunità di toccare una Razza.
A fine giro P.grande è uscita saltellando ed esclamando:  Mamma che bello non sapevo che i coccodrilli sapessero nuotare
Purtroppo la nostra giornata genovese ha coinciso con la scossa di terremoto in Emilia, io e le Papole non ci siamo accorte di nulla ma tutto il resto del mondo intorno a noi l'ha decisamente avvertito. P.Grande deve aver percepito un pò di ansia e mi ha chiesto "Cosa è successo?".
"C'è stata un'altra scossa di terremoto". E lei, memore delle immagini di Ferrara, mi ha chiesto
 "Ma il nostro albergo si è rotto?"
Ho dissimulato la tristezza e l'ansia e le ho portate alla Città dei Bambini.


Giorno 3 e 4 a Milano: Reunion di Famiglia e un Pranzo tra tweetamiche

Ci siamo riunite dopo circa 6 mesi dal nostro ultimo incontro. Anche se solo per 48 ore, riabbracciare mamma, sorella, nipote, dopo tanto tempo, è stato un toccasano di cui avevo bisogno. Per le Papole l'entusiasmo di rivedere la cuginetta è stato difficile da contenere e si è sfogato in giochi senza sosta, grida di gioia, corse, risate che questa volta hanno visto coinvolta anche P.Piccola, letteralmente impazzita di Gioia.



Giovedi  mi sono concessa una pausa pranzo speciale con le twittamiche. L'abbiamo organizzato in maniera estemporanea tra un tweet e l'altro. La prima che ho incontrato è stata Valentina di Cappuccio e Cornetto, a dire il vero è stata lei a individuarmi mentre vagavo con un chiaro punto interrogativo sulla testa. Nonostante ci fossimo dichiarate entrambe imbarazzate le nostre chiacchiere sono nate e fluite senza esitazione. La simpatia nata in rete è stata confermata e adesso posso dire anche che il sorriso di Valentina è semplicemente avvolgente. Poi sono arrivate Justine e Chiara de LeFunkymamas, non potevano scegliere nome più azzeccato sono un vero concentrato di energia e  vitalità, impossibile resistergli. Poi è stata la volta  di Camilla di Zeldawasawriter, unica e irripetibile, ci siamo abbracciate perchè ci siamo riconosciute, l'adoravo già prima, adesso anche un pezzettino di più. Infine a fine pranzo Cristiana di CoseBelle ci ha regalato una piccola perla che ci ha accomapagnato per il resto della giornata perchè tutti dovremmo desiderare La guerra d'amore nel Mondo. Ma per tutti i dettagli e per le spendide foto rimando al post di Camilla di  Zeldawasawriter  che ne ha fatto uno splendido resoconto come solo Camilla e la sua Mrs Canon riescono a fare.

Venerdi
Infine il rientro in Francia, non paghi delle 6 ore di macchina, siamo stati alla festa di fine anno della Maternelle







E' stato il primo rientro in Italia dopo 6 mesi:
- varcare il confine è stato confortante come entrare a casa della nonna
- all'inizio ho mantenuto il riflesso incondizionato tale per cui in Francia mi giro ogni volta che sento parlare in  Italiano, idem per P.Grande che al ristorante ha sgranato gli occhi e mi ha detto "Ma parlano Italiano!"
- ho continuato a dire Merci e Pardon per tutto il tempo
-abbiamo usato il bidet anche quando non era strettamente necessario anche solo per il gusto di farlo

*Nemo santo subito, l'hanno visto a ripetizione e ci ha permesso un viaggio lungo con una sola sosta





9 commenti:

  1. grazie grazie grazie!!! adesso sono diventata rossa sul serio!! :) grazie a te perché sei stata tu a dare il via!! e comunque è stato bellissimo.. torna presto!!! :)

    RispondiElimina
  2. Anch'io amo molto Genova, è una città che ti entra nel cuore e spero di portarci anche Siegmund, prima o poi, a scofanarsi di focaccia e trofie al pesto.
    Se casomai passassi da queste parti, avvisami!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se dovessi venire da quelle parti , contaci. Magari potremmo riandare a Genova insieme

      Elimina
  3. Genova custodisce per me splendidi ricordi. un bacio P.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo ancora bene il tuo sorriso smagliante al rientro da Genova ;-))

      Elimina
  4. Camilla
    abbracci e baci assai :-DD

    RispondiElimina
  5. Quando una genovese come me legge queste parole non può che esserne strafelice! L'acquario e la città dei bambini aspettano anche noi: tra pochi giorni saremo lì!

    RispondiElimina