Sud Della Francia. Montpellier. Pasqua. Van Gogh. Gauguin. ZAT.


Nonostante l'inizio delle vacanze di Primavera abbiamo trascorso in Francia i giorni di Pasqua, lontano dall'Italia, dalla Famiglia e da Pranzi Pantagruelici. Orfani di parenti, casatielli e pastiere abbiamo compensato le carenze affettive/culinarie con arricchimento dello spirito :-)
Il nostro programma prevedeva per tre giorni, tre destinazioni diverse. Tuttavia la scelta di sabato non si è rivelata riuscitissima mentre degni di nota sono sicuramente le giornate di Domenica e Lunedi.
Domenica siamo stati in Provenza in particolare a Les Beaux de Provence, piccolo borgo delizioso (forse talmente carino da sembrare artefatto) che si fregia del titolo di uno dei villaggi più belli di Francia, a giusta ragione. Non siamo stati fortunati, metereologicamente parlando, perchè c'era  vento gelido che staccava la pelle e non siamo riusciti a godere del petite village che di sicuro meriterà una ulteriore visita con condizioni climatiche migliori. Ma i chilometri fatti si sono rivelati comunque preziosi perchè abbiamo goduto di un allestimento insolito e sorprendente.
In famiglia io e Papolagrande siamo appassionate di Van Gogh,  la papola sin da piccola ha sempre dimostrato molta attrazione verso la Notte Stellata e all'epoca, ignara del nostro destino Francese, le ho comprato un libro su Van Gogh e Gaugain e della loro vita in Provenza.  Quando ci siamo ritrovati ad un passo da Arles e con un evento dedicato ai due amici pittori non abbiamo potuto esimerci.
Il tutto si svolge all'interno di una cava dismessa e le alte mura si  prestano a fare da schermo per la videoproiezione delle opere più belle dei due artisti nonchè amici. Il risultato è sorprendente, si viene letteralmente avvolti dal bello, dai colori, dalla musica. Si gira guidati dal colore, dalle immagini , dall'entusiasmo. Ho fatto tante foto ma non rendono l'idea, per capire di cosa parlo provate a guardare direttamente qui, Carrieres de Lumieres
Se solo potessi postare anche il sonoro della reazione delle Papole sentireste una sinfonia di gridolini di stupore. Non ultimo mi preme sottolineare, con orgoglio patrio, che  il realizzatore è un Italiano: Gianfranco Iannuzzi.




Papolagrande in contemplazione


Papolagrande immersa nella sua amata notte stellata

Papolagrande e Gauguin


Lunedi, orfani del picnic di pasquetta (confesso di non averne mai fatto uno, sono strana, lo so) abbiamo ripiegato su una iniziativa offerta dalla città di Montpellier: ZAT  
Dove ZAT sta per Zones Artistiques Temporaires, vale a dire tanti piccoli spettacoli disseminati per un quartiere della Città.
E' stato decisamente piacevole gironzolare tra piazzette popolate da sdraio colorate per godere del sole e della musica, cinema aperti, parchi, spazi dedicati a letture pubbliche, installazioni ricche di creatività e piccoli spettacoli estemporanei come quello della "Compagnie le Boustrophedon" ovvero Camelia e il suo Pianista. Accomodati su grandi stuoie distese sul prato abbiamo goduto di uno spettacolo leggiadro e piacevole. Le papole sono rimaste a bocca aperta e la piccola non smetteva di battere le manine.






Tra le mi e installazioni preferite sicuramente quella del collettivo di G. Bistaki. Il museo surrealista un vero piccolo tesoro, un piccolo mondo vintage curato nei più piccoli particolari.
Tegole trasformate in esperimenti musicali e accessori teatrali





Per godere dell'Installazione di Van Gogh e Gauguin avete tempo fino a Gennaio 2013, quindi se state pianificando un giro in Provenza tenetelo presente
Carrières de Lumières
Route de Maillane  13520 Les Baux de Provence
http://carrieres-lumieres.com/fr/home

Per il prossimo ZAT a Montpellier occorre aspettare l'anno prossimo ma se vi capita un'installazione/spettacolo di Bistaki non fatevolo scappare.
http://www.bistaki.com/cie-de-danse-le-georges-bistaki-le-g-bistaki_1.html

5 commenti:

  1. Hai capito che figlia artista..!
    Complimenti anche alla mamma ed alla sua sensibilità!

    RispondiElimina
  2. Ma quella ballerina là è vera! pensavo fosse una statua...

    RispondiElimina
  3. Non solo era vera ma era incredibilmente brava. Ieri la papola cercava di state in piedi su una tazza ma la leggiadria non è cosa da tutti

    RispondiElimina
  4. te l'avevo già detto su instagram: meraviglioso! e a prescindere dal mio amore folle per quelle pennellate pesanti e piene di colore. anche la funambola è strepitosa. Altrochè picnic a villa ada ;PPPPP!!!!!!

    RispondiElimina