Chiuso per sonno

Lo so che in questo blog si parla molto spesso di nanna, che sono la prima promotrice del dare tempo al tempo, convinta che prima o poi imparano a dormire, bisogna avere tanta pazienza e via andare. Ma questa notte è stata l’ennesima nottataccia e a volte capita di non prenderla proprio bene.
Ieri era martedi e papomarito era fuori per cena e dopocena, vista la presenza della nonna e la cattiva abitudine di papolagrande di guardare un cartone prima di dormire non abbiamo messo in pratica la solita formazione lettone a tre.
Ore 22.00 ancora tutti svegli, Papolapiccola comincia a dare segni di stanchezza mentre Papolagrande vuole vedere Gatto Silvestro.
Ci mettiamo sul divano Papolagrande prende il latte guardando il cartone e papolapiccola si attacca per la ciucciata pre nanna. Papolapiccola dopo poco crolla e alle 22.45 la metto a letto.
Papolapiccola protesta, due coccole e sembra riaddomentarsi
23.00 risoluta dico a papolagrande “di buonanotte a gatto silvestro e basta!” andiamo a nanna, mi metto accanto a lei, ciuccio e coccole e pian piano si addormenta, nel frattempo papolapiccola si sveglia almeno 4 volte e per fortuna c’è la nonna che riesce a dondolarla un pò e farla riaddomentare.
24.00 Finalmente dormono entrambe
01.00 mi metto a letto sapendo già che non appena poggerò la testa sul cuscino papolapiccola si sveglierà, sembra abbia un sensore preposto. Mi poggio sul letto e capto sospiri e movimenti che di solito presagiscono la sveglia e penso “ inutile provare a dormire tanto adesso si sveglierà” e un pò mi innervosisco. Papolapiccola questa volta mi sorprende sospiri e movimenti probabilmente dettati dal caldo non hanno portato ancora a pianti e lacrime ma non sono rilassata e ci metto un pò a lasciarmi andare al sonno, sto per mollare la palpebra ed ecco il preventivato mugolo e il successivo pianto.
Provo a coccolarla nella culla.
Papolapiccola:protesta.
Provo a darle un pò di camomilla.
Papolapiccola afferra il biberon, beve e usa il biberon a suo piacimento.
Penso “forse era solo sete, in fondo per essere una tettadipendente usa con una certa dimestichezza anche il biberon chissà se si addormenta ciucciando”.
Papolapiccola: lancia via il biberon e ricomincia la protesta
Guardo il ciuccio che giace sul comodino e neanche ci provo
Papolapiccola passa dalla protesta al pianto disperato
Provo a ricorrere al metodo della nonna, muovendo un pò il lettino.
Si stacca la ruota dal lettino da un milione di dollari, ho inveito contro la stokke, gli svedesi e contro le ruote in quanto tali.Infilo i libri, che sono sul mio comodino che aspettano invano di essere letti, a riempire il vuoto della ruota.
Provo a prenderla in braccio, sembra calmarsi ma in realtà ha solo ripreso fiato e comincia a piangere più forte di prima. Inveisco contro me stessa per essere quella del fare domani quello che avresti potuto fare oggi e di non aver comprato la miracolosa collanina di giada per la dentizione (?). Per non aver comprato i granuli omeopatici che tanto male non fanno. Inveisco contro me stessa per la mia debolezza nel ricorrere alla tetta per pigrizia pur di non dovermi alzare dal letto, consapevole che sono anche io artefice di tale dipendenza. Inveisco contro i geni insonni che certo non sono miei che da bambina mi addormentavo da sola alle 19.00 per dormire più di dodici ore. Mi metto le mani nei capelli , ricaccio indietro le lacrime, l’istinto è di lasciarla piangere almeno questa volta ma l’amara constatazione che non viviamo in una reggia e che la camera di papolagrande che dorme è li accanto mi fa desistere sono le 3.00 cedo e l’attacco alla tetta ho perso. Ho perso la forza, la pazienza, il tempo e il sonno, la mattina sono più stanca della sera prima.

1 commento:

  1. Grazie per avermi invitato a leggere questo post! Oltre ad essere molto divertente, sicuramente solo per me che lo leggo e nn per te che hai passato una tale nottataccia, e' reale!!! Cosa porta nel bimbo una coccolina in più!!! Io penso che di certo nn sono le coccole che viziano, e spesso la notte e' davvero dura sentirli piangere!
    Nn darti colpe, vivi il tutto il più tranquillamente possibile!
    Ormai sn passati mesi dalla scrittura di questo post, spero che le tue notti vadano un pochino meglio, certo e' che quando ne hai due piccini, piccini, se dorme uno, l'altro si sveglia.,,e cosi' via!!! In bocca al lupo

    RispondiElimina