Primi giorni senza pannolino

TM & © 2008 Sesame Workshop
Stamattina piena di entusiamo ho invitato papolagrande ad indossare il suo primo paio di mutandine. Lei ha scelto da sola il suo primo paio prediligendo quelle con un gufetto sul lato b e con le mutandine indosso mi sono prodigata nel discorsetto di rito.
Mamma: “Amore adesso non hai il pannolino quindi non appena senti che devi fare pipì o pupù dimmelo subito che corriamo dal paperottoblu, mi raccomando, ok?
Papolagrande: “si mamma va bene, ho capito”. Ci sediamo a tavola per la colazione e le chiedo il primo di una serie infinita di “devi fare pipì?”
Papolagrande: “no mamma non la voglio fare”
Tempo un minuto, sento un rumore tipo cascata del niagara e le chiedo “stai facendo la pipì?” Papolagrande mente spudoratamente “no”. Mi affaccio per guardare l’accaduto e ovviamente il primo piccolo incidente di percorso era in corso. Scatta la rassicurazione di mamma: “Amore cambiamoci, non ti preoccupare può succedere vedrai che un pò alla volta capiremo come funziona!” Scegliamo un altro paio di mutandine e ricominciamo. Devo dire che la prima mattinata prosegue tranquilla anche se intevallate da continui “ ricordati che hai le mutandine!”, “devi fare pipì?”. La mattina prosegue senza altri incidenti  ma al momento del pisolino e della passeggiata al parco preferisco rimetterle il pannolino. Ho letto da più parti che bisognerebbe toglierlo di netto senza alternare “pannolino si, pannolino no” perchè si corre il rischio che si confondano ma se razionalmente lo capisco instintivamente decido di fare “ a capa mia” e allora alterno. Usciamo, compriamo gli “m&m’s” premio per il buon risultato raggiunto e ce ne andiamo al parco senza ansie da “straripamenti”. Papolagrande è entustiasta e la sera prima di andare a dormire, pur avendo il pannolino, ci avverte che deve fare la pupù e facciamo in tempo a farla sul paperottoblu. Anche la seconda giornata prosegue bene, tra continue sollecitazioni a verificare che non ci sia qualche bisogno impellente, vasino sempre a portata di mano e un piano incentivi degno di una struttara di marketing &sales la giornata va avanti con un solo intoppo, questa volta di portata “più grossa”ma è stata solo una questione di errata stima del tempo per arrivare al vasino. Poi papolagrande si addormenta mentre guarda un cartone e anche il pisolino pomeridiano prosegue indenne, abbiamo sfatato anche il tabù del dormire senzapannolo o è la fortuna del principiante? Chi può dirlo. Come al solito mi faccio guidare più dall’istinto che dalle teorie, istinto che mi spinge spesso ad andare per gradi e ad essecondare le mie papole e soprattutto ad individuare le leve giuste. Nel  caso della mia papolagrande le leve giuste sono prevalentemente due: il giusto premio ma soprattutto dare gran rilievo alla sua capacità di autonomia, ho scoperto che le da grande soddisfazione fare tutto da sola compreso tirare giù e su mutandine e leggins e glielo lascio fare con sua somma soddisfazione che sottolinea affermando ai quattro venti “ho le mutandine”!

2 commenti:

  1. :-)
    Arrivata qui per caso,io DOVREI iniziare lo spannolinamento,ma mia figlia dopo 3 pomeriggi di pipì addosso nn vuole piu saperne di togliere il pannolo...piange e si dispera solo a sentirlo dire...cerco di consolarmi col fatto che diciottenni col pannolino in giro non ce n'è,quindi abbiamo tempo! :-(
    ciao!!

    RispondiElimina
  2. ciao "scapprina" per caso e benvenuta

    la mia filosofia con le mie bimbe ormai è "tempo al tempo!" evidentemente non è il momento giusto, vedrai che quando deciderà di colloborare ti stupirà per quanti progressi farà velocemente
    ciao ciao

    RispondiElimina