Comprare o non comprare un digital reader, ma davvero ho bisogno di un e-book?

Qui in USA sembra ormai indispensabile almeno quanto l'Iphone e l'Ipad, è decisamente frequente trovarsi accanto qualcuno impegnato nella lettura di un e-book. Sicuramente è affascinante l'idea di in una "tavoletta" così piccola su cui  scaricare libri su libri e avere a disposizione, in ogni momento della giornata, la propria pila digitale di libri e la libertà di scegliere ogni volta cosa leggere. Sul ferryboat verso Staten Island, in attesa di vedere la Statua della Libertà, vedo un signore non interessato all'aspetto turistico della gita, lui probabilmente sta solo tornano a casa, e  legge tranquillamente il suo e-book. Di primo impatto la reazione è "no, no, il libro digitale non si può!", vuoi mettere il piacere di scegliere un libro in libreria, leggere un libro vero, accarezzare le pagine, annotare nome e data sulla prima pagina, scegliere il posto nella libreria di casa, sfogliare un vecchio libro e trovarci dentro un biglietto del treno utilizzato come segnalibro e ricomporre tanti tasselli di un ricordo.
Per non parlare del rito "leggiamo un libro" con le papole. Da quando è nata papolagrande cerco di trasmetterle l'amore per i libri, ci piace sceglierli insieme all'insegna di  "i libri non sono mai troppi", sono felice quando papolagrande entrando in libreria mi chiede un "libro novo",  li sfogliamo, li leggiamo mille volte, li consumiamo al punto da dover rimettere insieme le pagine a volte. Papolagrande ormai riconosce i suoi libri preferiti anche solo dalla sagoma e spesso mi cerca con un libro in mano e mi chiede "mamma lo leggiamo insieme?"'
Non so se la magia di un libro possa essere rimpiazzata da  una tavoletta poco più grande del mio ipod.
Forse non sono ancora pronta per il mio primo e-book.
Qualcuno riesce a convincermi del contrario?

2 commenti:

  1. perchè partire dal presupposto che una cosa escluda l'altra? Immaginati in viaggio con le papole, con lo spazio ridotto e tanti libri da portare con te. Adesso chiudi gli occhi e immagina di averli tutti racchiusi in un ebook reader. Niente peso, niente spazio,, nessun albero abbattuto.E la possibilità di scegliere il libro che vuoi tu. Poi torni a casa, e ti rituffi nella tua libreria. Che ne pensi?

    RispondiElimina
  2. è vero
    dal punto di vista del bagaglio avrebbe fatto tanto comodo, una unica "tavoletta" invece di portarsi dietro:
    il libro delle stelle per andare a dormire
    Spotty che fa la torta
    l'immancabile Pimpa e Giulio Coniglio
    i due libri comprati a NY
    + il libro per me.
    E' vero uno non esclude l'altro,io sicuramente continuerei a comprare anche libri tradizionali ma forse le papole impareranno a leggere direttamente sulla tavoletta?

    RispondiElimina